Benvenuti

GAIARINE
CAMPOMOLINO
ALBINA


Sussidio pastorale per l’Avvento 2020

Gli uffici pastorali rendono disponibile anche quest’anno, tramite il settimanale diocesano L’Azione ed il sito diocesano, il sussidio per l’Avvento.

Il vescovo Corrado ci ha offerto, come immagine per l’anno pastorale in corso, la rete che non si squarcia. Egli trae lo spunto per questa immagine dal vangelo di Giovanni e dall’episodio della pesca miracolosa avvenuta dopo la Risurrezione di Cristo: una notte apparentemente fallimentare si tramuta in un’alba sorprendentemente fruttuosa. Perché e per Chi quella rete è destinata a non spezzarsi? Certamente perché è stata la parola di Gesù a indicare agli apostoli di gettare la rete; e di farlo in modo nuovo, dall’altra parte rispetto al solito, rispetto al “già conosciuto”.

Anche noi abbiamo davanti un tempo di Avvento e Natale che sicuramente vivremo “dall’altra parte” rispetto al solito. Esso si preannuncia come una sfida: riusciremo a vivere intensamente questo tempo di attesa e di vigilanza verso il Natale del Signore? Cosa riusciremo a realizzare di quanto proposto dagli Uffici diocesani e dalle parrocchie? E cosa invece sarà difficile da praticare, nell’attuale clima di precarietà per la pandemia? Ma più fondamentale e martellante è un’altra domanda: cosa davvero attendiamo? Chi stiamo aspettando, in questo tempo strano con il quale abbiamo imparato a familiarizzare ma che ci sembra ancora così estraneo e nemico, rispetto al nostro “mare conosciuto”?

È possibile scaricare il sussidio nella sua completezza (22,3 MB) o per sezioni (nelle pagine del Coordinamento della Pastorale, dell’Ufficio Catechistico, del Centro Missionario, della Pastorale famigliare, del C.D.V. e della Pastorale Sociale).

Nuovo Messale Romano

Il Papa mentre riceve il nuovo Messale in italiano dal cardinale Bassetti

L’utilizzo del nuovo Messale diventerà obbligatorio nelle parrocchie della Penisola a partire dalla prossima Pasqua, ossia dal 4 aprile 2021, ma potrà essere utilizzato immediatamente, cioè non appena il libro pubblicato giungerà nelle comunità, anche se ciascun vescovo potrà stabilire nella propria diocesi da quando impiegarlo. Si tratta della nuova traduzione in italiano della terza edizione tipica – in latino – del Messale Romano scaturito dal Concilio Vaticano II nella quale cambiano alcune formule con cui viene celebrata l’Eucaristia nella nostra lingua. Il nuovo volume è edito dalla Fondazione di Religione Santi Francesco d’Assisi e Caterina da Siena in un unico formato e viene distribuito dalla Libreria Editrice Vaticana che lo farà arrivare nelle librerie e nelle parrocchie che lo stanno prenotando a partire dalla fine di settembre.

Continua >>


FRATELLI TUTTI – Una guida alla lettura a cura di Antonio Spadaro

A otto anni dalla sua elezione, papa Francesco scrive una nuova Enciclica, che rappresenta il punto di confluenza di ampia parte del suo magistero (cfr Fratelli tutti, n. 5)[1]. La fratellanza è stata il primo tema al quale Francesco ha fatto riferimento dando inizio al suo Pontificato, quando ha chinato la testa davanti alla gente radunata in piazza San Pietro. Lì ha definito la relazione vescovo-popolo come «cammino di fratellanza», e ha espresso questo desiderio: «Preghiamo sempre per noi, l’uno per l’altro. Preghiamo per tutto il mondo, perché ci sia una grande fratellanza»[2].

Per continuare a leggere l’articolo, clicca qui.

Per leggere l’enciclica di Papa Francesco “Fratelli tutti”, clicca qui.


Lettera pastorale del Vescovo Corrado per l’anno 2020-21

Dopo i mesi più duri, e ad emergenza sanitaria ancora in atto, il vescovo Corrado ha presentato la lettera pastorale che prende le mosse dal brano di Giovanni 21. Ha ritenuto opportuno evitare grandi proposte di iniziative e di attività, per sostenere ed alimentare piuttosto l’ordinarietà del cammino delle comunità cristiane.

In questa direzione si collocano anche le proposte fatte dalla Diocesi, illustrate nella lettera, e la disponibilità di mons. Corrado ad incontrare ogni singola Unità Pastorale, tra ottobre ed aprile.

Per leggere la lettera pastorale, clicca qui.

Ripresa delle celebrazioni con i fedeli

Come previsto dal protocollo di Intesa Governo-CEI, da domenica 24 maggio, sono riprese le celebrazioni in presenza dei fedeli. Pertanto, le trasmissioni delle S. Messe in diretta streaming, ad Albina, Campomolino e Gaiarine, sono state interrotte.

Scopri qui tutti gli orari delle Sante Messe

Norme da osservare per partecipare alla Santa Messa

Quali regole devo seguire per andare a Messa? Indosso la mascherina, igienizzo le mani all’ingresso; in chiesa, rispetto la distanza di 1 metro dagli altri fedeli e occupo solo i posti autorizzati.

Come entro ed esco dalla chiesa? Mantengo la distanza sanitaria di 1,5 metri ed evito assembramenti e contatti. Per questo, cerco di arrivare con un po’ di anticipo. Si entra dalla porta principale e si esce da quelle laterali.

Quali banchi occupo in chiesa? In chiesa, si occupano tutti i banchi, a cominciare dai primi vicino all’altare. Non si lasciano file vuote. 

Quando non posso partecipare? Non posso entrare in Chiesa se ho la temperatura superiore ai 37,5°C, se ho sintomi influenzali/respiratori o se sono stato in contatto con persone positive a SARS-CoV-2 nei giorni precedenti.

Per conoscere le altre regole clicca qui.


“Sono qui a lodarti” – The Grateful Band

“Il nostro gruppo è formato da genitori e ragazzi che animano le messe la domenica con i gruppi di Azione Cattolica. Quest’anno avremmo dovuto concludere il lavoro svolto nei gruppi sulla “Laudato sii” con un concerto il 24 aprile, ma il protrarsi della situazione di emergenza ha cancellato questo evento. Abbiamo voluto restare vicini tra noi e alla comunità manifestando la nostra fede con il miglior modo che conosciamo: la musica.”.

Stefano Rizzetto